Questo sito non utilizza cookies di profilazione. Quindi, secondo la normativa vigente, non è tenuto a chiedere consenso per i cookies tecnici indispensabili al funzionamento del sito.

Avis Asti

AVIS nasce in Italia nel 1927, fondata a Milano dal Dottor Vittorio Formentano.Dr. De Benedetti

AVIS nasce in Asti nel 1938 per iniziativa del Dottor Ettore De Benedetti, primo Presidente astigiano, e di un ristretto gruppo di persone.

L’avventura intrapresa da quei coraggiosi “pionieri” si ispirava a ideali forti quali la fiducia nella sensibilità e nella generosità umana.

Tutto era da costruire, tutto da organizzare, certamente erano pochi ed inadeguati i mezzi, ma c’era, soprattutto, una grande speranza per la Medicina.

Ma com’era la nostra AVIS astigiana in quegli anni?

 

I primi volontari premiati nel 1956

per aver effettuato 100 donazioni.

Il “gruppo giovani” di quegli anni

Il primo “laboratorio” all’interno

del vecchio Ospedale di via Bottallo

Le prime “frigoemoteche”

la prima “sala prelievi”

la prima “autoemoteca”

Queste immagini raccontano la nostra storia che, soprattutto per i giovani, può avere dell’incredibile, maquesta era la realtà di quegli anni.

Oggi la situazione è radicalmente cambiata e quanta strada sia stata fatta è sotto gli occhi di tutti: il nuovo Ospedale, le nostre moderne autoemoteche destinate alla raccolta mobile ma, soprattutto, si è evoluta la Medicina Trasfusionale e, di conseguenza, il ruolo dei Volontari e la loro capacità e volontà di adeguarsi e di
seguire il cambiamento.

Dal quel primo nucleo del 1938, AVIS Comunale di Asti ha avuto un rilevante sviluppo quantitativo: oggi conta circa 6700 iscritti, attivi alla donazione.

“Qualitativamente” la donazione è progressivamente cambiata, le metodiche si sono evolute e, attraverso passaggi successivi, si è passati dalla trasfusione diretta (da braccio a braccio) alla “sacca in plastica”, al prelievo di “componenti” del sangue, all’impiego di suoi “derivati”: passaggi non indifferenti che hanno coinvolto tutti gli attori del “sistema sangue”, certamente non ultimi i Donatori, convinti che

  • ricevere sangue da chi può donarlo sia un diritto del malato
  • donare sangue sia un dovere per chiunque si trovi responsabilmente nelle condizioni di poterlo fare.

AVIS Comunale Asti - Corso Dante 202 - Asti - Codice Fiscale 92011440051